TANZANIA

 

 

INTRODUZIONE

La Tanzania è una terra ricca di Parchi Nazionali e natura selvaggia: è considerata il posto migliore al mondo per i fotosafari e un vero e proprio paradiso per i fotografi. Fa parte di quella che viene anche chiamata Africa dell'Est insiema a Kenya, Uganda e Ruanda.

 I Parchi Nazionali vengono solitamente suddivisi in tre "circuiti":

Mappa circuito Nord.

Mappa circuito Sud.

Mappa circuito Ovest.

Descriviamo brevemente i più significativi; ciò dipende anche dalla mia ventennale esperienza di safari in queste aree.

IL PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI è il parco tanzaniano più famoso ed importante di tutta l'Africa con la sua savana piena di vita animale. Si calcola infatti che nel Parco vivano più di 3 milioni di grandi mammiferi in piena libertà e tra questi i così detti "big five" cioè leoni (ce ne sono più di 2500), leopardi, elefanti, rinoceronti e bufali. Ci sono poi enormi branchi di gnu (una volta è stato avvistato un gruppo così grande che si allungava per più di 40 Km.), antilopi e zebre; con un pò di fortuna ci si può imbattere anche in un "pack" di licaoni. E poi ancora giraffe, gazzelle, babbuini, facoceri, ippopotami e più di 500 specie di uccelli.  Con i suoi 14.763 chilometri quadratiè il più grande della Tanzania: infatti Serengeti deriva dalla parola Masai "Siringet" che significa "pianure senza fine". Famoso per gli innumerevoli documentari girati al suo interno, esploreremo questo paradiso naturale per un safari fotografico che segua la stessa filosofia cioè andare alla ricerca delle scene di azione più interessanti. In aggiunta sdi può richiedere un permesso speciale così detto "fotografico" o "off-road" che ci permette di partire la mattina prima dell'alba quando è ancora buio e soprattutto di seguire la natura selvaggia fuori dai tracciati e/o strade ufficiali (ricordiamo che in tutti i Parchi Nazionali della Tanzania è assolutamente vietato andare off-road e le autorità del parco, non come in Kenya, sono veramente molto severe) posizionandoci nei posti migliori per cogliere lo scatto perfetto (il costo è di circa 150$ a persona al giorno). Il Parco si traova a circa 330 Km. da Arusha, pertanto è raggiungibile in giornata (6/7 ore di auto). 

IL CRATERE DI NGORONGORO, tovandosi circa a metà strada tra Arusha e il Serengeti (dista infatti 180Km. da Arusha) è spesso "usato" come base per un paio di notti per interrompere il lungo viaggio. Una volta era un vulcano attivo (oltre 2,5 milioni di anni fà), ora si presenta come un cratere del diametro di circa 20Km. considerato il più grande cratere intatto al mondo. Si trova a 2200 metri sul livello del mare; è profondo circa 600 metri e occupa un'area di 360 chilometri quadrati. E' una meta imperdibile durante il safari in Tanzania per la sdua altissima densità di animali selvatici: infatti saulla superficie di questo giardino dell'Eden possono essere visti elefanti, bufali, zebre, gazzelle, rinoceronti e predatori quali leoni, ghepardi e iene (presenti ma di difficile avvistamento i leopardi) nonchè numerose specie di uccelli.

IL CIRCUITO SUD e suoi parchi, in base alla mia esperienza di viaggio, è veramente povero, soprattutto se rapportato al Nord, per quanto riguarda la vita selvaggia; inoltre anche le strutture recettive così come i servizi sono veramente "basic". Perciò non lo prendo più in considerazione nell'organizzare safari in Tanzania. Se però ci sono persone interessate lo possiamo organizzare senza problemi. Infatti qualcuno preferisce questo circuito perchè innanzitutto i lodges sono meno costosi anche se in linea generale di livello inferiore; poi perchè i parchi qui sono molto più silenziosi e i turisti che li visitano molti meno il che si traduce sicuramente in un'esperienza meno commerciale rispetto ai grandi parchi del Nord. E' inimmaginabile qui vedere 20-30 jeep intorno ad un leone o a un leopardo come invece accade al Serengeti. A questo proposito posso riferire, per mia esperienza personale, di aver trascorso più di 3 giorni alla Selous prima di incontrare altre persone: questo aspetto rende il circuito Sud sicuramente più attraente.

IL PARCO NAZIONALE DI GOMBE STREAM E IL PARCO NAZIONALE DI MAHALE, posti entrambi sulla sponda occidentale del lago Tanganica, costituiscono il così detto circuito Ovest. Questi due parchi vengono scelti se si vogliono vedere e fotografare gli scimpanzè: qui infatti si organizzano trekking dedicati a trovare questi incredibili primati; la durata dell'avvistamento è limitata ad 1 ora. Il Parco Nazionale Gombe Stream con appena i suoi 52 chilometri quadrati è il più piccolo parco della Tanzania; ospita una comunità di scimpanzè abbastanza numerosa che ha ottenuto notorietà grazie hai progetti di studi comportamentali incominciati negli anni 60 dal primatolo Dr. Leakey e dai suoi collaboratori. Il Parco Nazionale Mahale ha un'estensione ben superiore, con i suoi 1613 chilometri quadrati; ospita una popolazione molto numerosa di scimpanzè, circa 800, oltre ad altre specie di scimmie.

                                   

 

PIANIFICAZIONE DEL VIAGGIO

Negli ultimi ventanni ho fatto numerosi safari nei tre circuiti sopra descritti e sono arrivato alla conclusione che, a parte il circuito Ovest che considero a sè perchè il target è lo scimpanzè, per fotografare la vita selvaggia è meglio concentrarci sul circuito Nord e tra questi il Parco Nazionale Serengeti e il Cratere di Ngorongoro.

Il modo più facile per raggiungere la Tanzania del Nord è, da oltre oceano, in aereo atterrando all'aeroporto del Kilimanjaro che si trova non distante da Arusha (circa 40Km.) ed è inoltre il più vicino al Serengeti. La compagnia aerea KLM è l'unica compagnia internazionale che, al momento, ha voli diretti dall'Europa (più precisamente da Amsterdam) per Arusha. Qui poi troviamo numerosi hotels di diverse categorie e prezzi che soddisfano le esigenze di ognuno; è pertanto una buona base di partenza soprattutto se si atterra il pomeriggio/sera. Il nostro preferito è:

THE AFRICAN TULIP

The African Tulip è un elegante Boutique Hotel posto nel cuore di Arusha. L'Hotel è stato disegnato per soddisfare le esigenze di ognuno, da persone che sono qui per un safari ai Buisiness Man, dalle famiglie alle coppie in luna dfi miele. L'hotel a 29 stanze 7 delle quali sono suites tutte decorate con materiali locali. L'Hotel ha i seguenti servizi:

                         

         

Un'alternativa è atterrare a Dar es Salaam, che si trova però nel Sud della Tanzania, e da qui prendere un volo interno, con Air Tanzania Precision Air, per il Kilimanjaro e quindi Arusha. Dar es Salaam è collegato direttamente con diverse capitali europee e medio-orientali: Zurigo e Ginevra con Swiss Air; Francoforte con Lufthansa; Londra con Brithish Airways; Milano via Doha con Qatar Airways.

Una volta ad Arusha ci vogliono circa  3,5/4 ore di auto su strada asfaltata ben tenuta passando per l'entata del Parco Nazionale del Lago Manyara, per poi saliere sulla Rift Valley Escarpment e infine raggiungere l'entrata (Main Gate) della Ngorongoro Crater Conservation Area. Da qui, in un attimo, si è sul margine del cratere dove possiamo godere di una vista mozzafiato sul cratere.

Se abbiamo deciso di fare una tappa a Ngorongoro, in poco tempo saremo al lodge prescelto; se invece vogliamo raggiungere il Serengeti, proseguiamo sulla strada sterrata e per qualche tratto veramente mal tenuta e piena di buchi disegnata sul bordo del cratere, per poi scendere nella pianura dopo aver attraversato la gola dell'Olduvoi e raggiungere, in circa 3 ore il "main Gate" chiamato Naabi Hill Gate porta d'ingresso al Parco Nazionale Serengeti. Da qui ci vogliono, in base alla posizione del lodge prescelto, 1 o 2 ore per arrivare a destinazione. La distanza totale da Arusha al Serengeti è di circa 320Km. e il tempo di percorrenza del viaggio è di circa 8 ore.

Per quanto riguarda l'organizzazione del safari io sono solito fare, e lo consiglio vivamente, safari lungo tutto il giorno (full-day) con colazione e pranzo al sacco; è comunque possibile fare colazione al lodge e partire per il game-drive un pò dopo oppure far colazione al sacco e rientrare al lodge per il pranzo. Questo dipende dalle specifiche esigenze del cliente, noi infatti siamo sempre pronti a soddisfare tutte le sue richieste mettendo sempre a disposizione la nostra ventennale esperienza di safari in quest'area.

Il Parco Nazionale del Serengeti ha il tipico clima dell'Africa equatoriale con 2 stagioni delle pioggie. Quella corta è concentrata tra novembre e dicembre, quella lunga e con le pioggie più pesanti va da marzo a maggio. Per il safari si predilige la stagione secca che va da giugno a ottobre anche se per l'area centrale del Serengeti (Seronera) e il cratere di Ngorongoro qualsiasi periodo dell'anno va bene.

La jeepn usata per i safari qui è una Toyota Land Cruise da 7 o 9 posti anche se per auto non ci sono più di 3 fotografi in modo che ogni persona ha a disposizione 2 sedili, uno per ogni lato finestrino. In questo modo si garantisce un ottimo spazio a disposizione per l'attrezzatura fotografica e facile movimento all'interno del veicolo nonchè facile accesso al tetto. Le auto usate sono dotate di radio per tenersi sempre in contatto con altre guide aumentando così le possibilità di avvistamento. Le auto poi sono dotate di invert con prese di corrente su ogni sedile dando la possibilità di caricare batterie, telefoni, laptop... I fuoristrada hanno il tetto che si alza dando la possibilità di fotografare con angolazioni diverse e sempre al riparo dal sole diretto e i beans bag, ovvero sacchi di fagioli per appoggiare comodamente le fotocamere. Inoltre ogni auto è accessoriata con friogo bar per contenere bevende e frutta fresca.

        

Dalla nostra esperienza sappiamo che durante i fotosafari gli interessi e le esigenze variano da persona a persona; per questo motivo non prendiamo più di una prenotazione per ogni veicolo dando l'uso esclusivo della jeep. E' poi garantita massima libertà e flessibilitrà nello svolgimento di ogni singola giornata: questo significa poter decidere in autonomia quanto sostare davanti ad una scena; quanto tempo impiegare per scattare una foto ad un animale; l'eventuale diversa angolatura dettata dagli sfondi e dalla luce migliore.

 

 

COSA PORTARE

In safari si devono prediligere abiti in tinte chiare; i colori scuri infatti attirano gli insetti ed in particolare le mosche tzè-tzè. E' consigliabile indossare magliette o camicie a manica lunga e pantaloni lunghi. Durante la stagione secca, che corrisponde all'inverno, è bene avere con sè una felpa o una giacca a vento per la mattina presto e la sera quando le temperature possono scendere di qualche grado. Le scarpe devono essere comode: sandali aperti vanno benissimo durante i safari. Non bisogna poi assolutamente dimenticare occhiali da sole, crema solare protettiva repellente per gli insetti e binocolo.

 

 

DOVE STIAMO

Ci sono numerossimi lodges, campi tendati fissi e semi-permanenti dentro il Serengeti da avere l'imbarazzo della scelta, scelta condizionata da diversi fattori come la posizione nel parco, il budget a disposizione, il livello di confort e/o servizio della struttura... E' poi importante fare una considerazione riguardo il concetto di "lusso" che qui non ha necessariamente a che fare con elementi tangibili della struttura e del servizio. Infatti un campo di lusso può, ad esempio, avere soltanto 6 unità abitative, non avere la piscina o la corrente elettrica, essere illuminato da lampade ad olio ed essere dotato soltanto di bucket shower e WC chimico, ma costare molto di più di un lodge in muratura con aria condizionata, aree comuni ampie e comfort e servizio più simile ad un albergo convenzionale. I nostri preferiti sono il Serengeti Sopa Lodge, il Seronera Wildlife Lodge e il Tanganica Wildnerness Camp.

 

SOPA SERENGETI LODGE

Il lodge è posto sul bordo della collina chiamata Nyarboro nella parte sud-occidentale del Serengeti a circa 320Km. da Arusha. L'Hotel in muratura ha 69 camere standard, tutte con 2 letti matrimoniali con arredamento tipico locale e un piccolo angolo con mini-bar. Ogni camera ha poi un ampio terrazzo con sedie e tavolino dal quale si può godere un'impagabile vista sulla savana. Ci sono poi 4 suites disposte su due piani; al primo c'è un'area dove si può cenare o semplicemente godere il panorama, di sopra c'è il letto matrimoniale e una vasca da bagno con vista sul parco. L'Hotel ha i seguenti servizi:

                                          Immagini dell'estrerno e dell'interno de Sopa.                      

                                             Immagini di una camera e della zona piscina del Sopa.

 

SERONERA WILDLIFE LODGE

Il lodge è posto nella zona del Parco Nazionale del Serengeti chiamata Seronera, area tra le più note e famose di tutta l'Africa per la sua notevole concentrazione di animali e definita, a ragione, Hot Spot Zone. E' costruito attorno a grossi massi, che sono tipici della zona, con largo uso di legno e vetro armonizzandosi così benissimo con l'ambiente circostante. Il lodge ha 75 camere ciascuna delle quali offre un'incredibile vista sul Parco. Le camere, elegantemente decorate con autentico stile africano, hanno un letto matrimoniale, bagno, ricsaldamento; ci sono anche 2 suites presidenziali e una junior suite. L'Hotel può offrire i seguenti servizi:

 

TANGANIACA WILDNERNESS CAMP

Tanganica Wildnerness Camp vanta un'incredibile varietà di tende permanenti, campi tendati e lodges sparsi in tutti i Parchi della Tanzania. Nel Parco Nazionale del Serengeti, il campo tendato mobile è posto nella parte centrale del Parco, nota come Seronera. Le 10 tende hanno un letto matrimoniale o due letti singoli, bagno e doccia.

              

 

 

COSA E' INCLUSO

In tutte le nostre spedizioni fotografiche  è incluso:

 

COSA NON E' INCLUSO 

In tutte le nostre spedizioni fotografiche NON è incluso: 

 

 

HIGHLIGHT FOTOGRAFICI 

Non abbiamo uno specifico target qui data la varietà di fauna africana. Se sei interessato, puoi dare un'occhiata ad alcune foto del mio portfolio. Ovviamente se una persona ha una particolare esigenza (numerosi e sempre crescenti le persone interessate agli uccelli o ad uno specifico felino come ad esempio il leopardo) faremo il massimo per accontentarlo.

 

 

QUOTAZIONE

Dato che Leophotographer organizza solo tours privati tenendo conto di tutte le esigenze del cliente (ad esempio date di partenza; durata del safari; numero dei partecipanti...) è impossibile dare delle cifre esatte. E' pertanto meglio inviarci una e-Mail specificando le vostre esigenze e subito vi risponderemo con la quotazione esatta e la disponibilità.

 

 

2017           TANZANIA FOTO-TOURS 
      
 ESAURITO


2018           TANZANIA FOTO TOURS (SOLO P.N. SERENGETI)

  PRENOTAZIONI APERTE


2018  TANZANIA FOTO TOURS (P.N. SERENGETI & CRATERE DI NGORONGORO)

  PRENOTAZIONI APERTE


2019           TANZANIA FOTO TOURS (SOLO P.N. SERENGETI)

  PRENOTAZIONI APERTE


2019  TANZANIA FOTO TOURS (P.N. SERENGETI & CRATERE DI NGORONGORO)

  PRENOTAZIONI APERTE




 

 




 




 




 




 


 

 









Questo sito è a norma W3C

 

Sito realizzato da Leophotographer